Al via “GiovedìScienza”, la 35ª edizione della storica rassegna torinese

TORINO, 26 novembre 2020 – 4 marzo 2021 – Prende il via questa sera “GiovedìScienza”. La rassegna, giunta alla 35ª edizione, alla scoperta della scienza, dalle nanotecnologie all’astrofisica, dalla medicina all’ecologia. La manifestazione, che quest’anno sarà possibile seguire esclusivamente in streaming, è organizzata dal Centro Scienza Onlus con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo.

Dal 1987 il format torinese ha sempre affrontato tematiche al centro del dibattito scientifico e pubblico. Anno dopo anno, infatti, si sono alternati Premi Nobel e divulgatori, giovani ricercatori e professori universitari. L’evento ha rappresentato sin dalla prima edizione la divulgazione scientifica, grazie alla conduzione di Pietro Bianucci. Senza dimenticare i grandi personaggi che hanno contribuito a rendere grande il format, come Tullio Regge, Piero Angela, Amalia Ercoli Finzi, Margherita Hack, Piergiorgio Odifreddi, Franco Malerba, Renato Dulbecco e Ilya Prigogine.

2020, anno di svolta per GiovedìScienza

Durante il periodo di emergenza sanitaria dal Covid-19, il format si sposta on line mantenendo l’interattività. Una delle caratteristiche che lo hanno reso unico in questi anni. Grazie alla collaborazione con Taxi1729, un gruppo di giovani e esperti divulgatori che hanno unito l’esperienza in campo divulgativo maturata negli anni con le opportunità offerte dal web, per tutta la durata dell’incontro una redazione curerà il rapporto con il pubblico.

I partecipanti, infatti, potranno inviare messaggi, richieste di approfondimento e domande per tutta la durata della conferenza. Il relatore potrà inoltre proporre al pubblico una serie di esperimenti, con domande a risposta chiusa, che potrebbero, ad esempio, fornirgli una fotografia delle opinioni delle persone connesse prima che l’ospite affronti un determinato argomento oppure coinvolgere il pubblico in maniera diretta e immersiva nell’argomento trattato.

Il calendario degli appuntamenti

“GiovedìScienza” prenderà il via oggi alle 17,45 con l’incontro dal titolo “L’infinito, come gli scienziati del passato hanno immaginato l’illimitato” a cura di Piergiorgio Odifreddi, matematico e scrittore.

Il 3 dicembre, invece, sarà la volta di “Caro universo vicino e lontano” con Jean Pierre Luminet, astrofisico, scrittore e poeta. Il 10, invece, si svolgerà “L’arte dei fiumi” con Matteo Bertagni, ricercatore alla Princeton University, New Jersey e vincitore del premio “GiovedìScienza 2020”.

A gennaio 2021 si svolgeranno ben tre incontri. Il 14 si terrà “Pratiche agricole sostenibili solo a casa propria o su scala globale?” con Angelo Frascarelli, Michele Morgante e Riccardo Valentini. Il 21 gennaio, invece, sarà la volta di “Il rischio di annunciare un rischio” con il giornalista Giancarlo Sturloni e Antonella Viola del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova. Il 28, invece, si svolgerà la conferenza dal titolo “La battaglia degli eserciti invisibili”.

Gli appuntamenti di febbraio si svolgeranno il 4 con “Quando la parola conta più dei fatti”, l’11 con “Olfatto, la riscoperta del senso dimenticato” ed il 25 con “Chi ha paura del buio?”. A chiudere “GiovedìScienza” sarà invece “Ogni epoca ha le sue streghe: anche la nostra”.

Previous Post
Next Post

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: