Pragelato: in mostra gli amori dell’inizio del XX secolo

Come si celebravano i matrimoni a Pragelato agli inizi del XX secolo? Sarà possibile scoprirlo visitando la mostra dedicata all’argomento da venerdì 22 a domenica 24 luglio, presso il Museo del costume e delle tradizioni delle genti alpine a Pragelato, aperto dalle ore 15 alle 18.

Matrimoni ad alta quota

Come nascevano nei mesi invernali gli amori a Pragelato che poi sarebbero “sbocciati” nei mesi primaverili ed estivi? Ma il richiamo più interessante dal punto di vista culturale è sicuramente la celebrazione storica di un matrimonio pragelatese, ricostruito con passione per il patrimonio locale, che sarà messa in scena sabato 23 a partire dalle 10,30. Musiche e assaggi di quello che era il tipico pranzo nuziale di 120 anni fa accompagneranno un evento itinerante che partirà dal Museo e si concluderà alla fontana di piazza Pragelatesi nel Mondo. Gli assaggi comprenderanno il pane della tradizione, cotto nel forno comunitario della borgata.

Nei suggestivi spazi di una plurisecolare casa dalla frazione Rivet, il Museo del costume e delle tradizioni delle genti alpine è il fulcro della ricerca etnografica dedicata all’identità culturale di Pragelato e della valorizzazione delle tradizioni e della lingua occitana parlata in Val Chisone. Vi si possono ammirare oggetti d’uso quotidiano in casa e sul lavoro, presentati in differenti ambienti: la stalla, la cucina, la camera da letto, il fienile, la cantina e il caratteristico“croutin”: ambienti dove si respira il passato e si rivivono scene di vita quotidiana, la laboriosità della gente di montagna e la sua propensione alla vita comunitaria. Gli ambienti allestiti accolgono anche la biancheria per la casa, gli abiti da lavoro e per i giorni di festa e un’intera collezione di antichi e ricchi costumi.

Gli abiti e i costumi di Pragelato hanno assunto le loro attuali caratteristiche e forme attraverso la progressiva sovrapposizione della cultura savoiarda francofona alla preesistente cultura escartonese francofona provenzale alpina. L’evoluzione più rilevante, anche da punto di vista visivo risale al XIX secolo, stoffe più leggere in cotonenastripizzi e ricami colorarono e arricchirono l’austero costume montanaro. Particolarmente ricco è il corredo di accessori e gioielli in oro esposti nel Museo: spille, orecchini e, soprattutto, croci.

Previous Post
Next Post

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: