“Rifiuti smarriti”: il concorso nazionale dedicato al riciclo

TORINO – C’è tempo fino alle 13 del prossimo 15 aprile per partecipare a “Rifiuti smarriti”. Il concorso promosso da Iren e dall’Associazione CentroScienza Onlus di Torino. Il progetto partito dalla città della Mole è rivolto alle scuole primarie e secondarie di primo grado ed ai gruppi famiglia di tutta Italia. L’iniziativa, alla prima edizione, è stata pensata in occasione della Settimana Europea dei Rifiuti che si è svolta dal 21 al 29 novembre del 2020.

Il regolamento del concorso “Rifiuti smarriti”

Si parte dalla cinque fasi della vita di un oggetto. Cioè la produzione, la progettazione, la distribuzione, l’uso e la dismissione. Il concorso invita i partecipanti a ripercorrerle a ritroso con l’obiettivo di sviluppare un nuovo rapporto con gli oggetti smarriti e col loro valore in linea con il concetto di rispetto per l’ambiente e la sostenibilità.

I partecipanti dovranno compilare la scheda tecnica scaricabile sul sito del concorso in cui dovranno riportare tutte le informazioni relative al progetto e di tutto l’iter che ha portato alla realizzazione.

Gli stessi dovranno anche compilare la scheda scientifica e nella sezione multimediale dovranno anche caricare un massimo di sei foto del progetto ed il download del video di presentazione e di descrizione del prototipo. Tutte le attività dovranno essere svolto sotto la supervisione di un referente adulto.

I premi in palio e le modalità di partecipazione

I cinque progetti finalisti avranno la possibilità di presentare il progetto davanti ad una giuria composta da cinque membri esperti che decreteranno i vincitori. La presentazione e la premiazione dei vincitori sono in programma il prossimo 5 giugno 2021, Giornata Mondiale dell’Ambiente. Lo svolgimento della cerimonia, on line oppure in presenza, sarà definita in base alla situazione di emergenza sanitaria entro la fine del mese di aprile. In palio ci sono quattro buoni da 500 euro spendibili per l’acquisto di materiale didattico.

La migliore idea di riciclo e di riutilizzo si aggiudicherà il Premio Riciclo, la migliore spiegazione scientifica il Premio Science Fair. Alla migliore creatività scientifica andrà invece il Premio Exhibit mentre l’idea più bizzarra conquisterà il Premio Speciale.

I prototipi finalisti saranno esposti all’interno di una mostra itinerante che sarà visitabile nelle città di Genova, La Spezia, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Torino e Vercelli. Il regolamento completo è disponibile sul sito di EduIren. In alternativa è possibile contattare la segreteria del concorso telefonando al numero 011/8394913 oppure scrivendo una e-mail all’indirizzo infocs@centroscienza.it.

Previous Post
Next Post

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: