Trump lancia “TRUTH” contro la tirannia di Big Tech. “Verità” o vendetta?

Caro Trump, sei sicuro che la tua sarà “TRUTH”? Questa domanda forse un po’ provocatoria, si riferisce direttamente al nome e al significato che assume il nuovo social network di Donald Trump. Truth, verità, vedrà la luce in versione Beta il prossimo mese. Un universo parallelo a quello di Zuckerberg, per opporsi alle “tirannie delle Big Tech” così come ha dichiarato, in questi giorni, in un comunicato stampa. Il nome scelto è di rottura, per ribadire la necessità dell’ex presidente di “libertà di parola” e sottolineare la differenza dagli altri social network. Più volte infatti ha ribadito di come i social network gli impedissero di esprimersi, dopo il suo esilio forzato dal loro utilizzo.

Truth da novembre online: per quanto?

Nel mese di novembre la piattaforma potrà accogliere alcuni degli ospiti, solo su invito. Nei primi tre mesi del 2022 sarà aperto invece a tutti. La “verità” di Trump sarà proprietà della società Trump Media & Technology Group (TMTG).Dopo l’annuncio ufficiale la società Digital World Acquisition Group, definita di comodo, ha registrato in borsa un +350% in chiusura titoli. Viene così definita in quanto è una società creata appositamente per raccogliere fondi, che verrà poi immediatamente acquisita dalla società di Trump. Il titolo è stato sospeso per eccesso di volatilità.
Non solo un nuovo modo di connettersi ma anche un nuovo servizio di streaming on-demand in abbonamento che possa intrattenere diversi spettatori.

Da Trump a “Tramp” ma solo per i social network

In una sua dichiarazione alla stampa americana ha spiegato questa mossa dichiarando «I talebani hanno una presenza enorme su Twitter e il vostro presidente preferito è messo a tacere. È inaccettabile».
Questo succede quasi ad un anno di differenza dal suo ban da Twitter e Facebook, dopo i suoi commenti definiti dagli americani e dalla corte suprema “inaccettabili e rischiosi per la sicurezza pubblica” dopo l’increscioso assalto al Congresso. L’ex presidente degli USA si è trovato senza profilo, a vagabondare online, senza meta e senza un posto dove poter pubblicare le sue idee. La società di Zuckerberg ha deciso di bandirlo fino al 2023, la stessa corte suprema aveva scelto di chiedere una limitazione a questa decisione. Il vicepresidente di Facebook ha ammesso che dopo il periodo di allontanamento sarà valutato se ci sia o meno un pericolo per la sicurezza nel ridare la possibilità di accesso ai social a Trump.

Truth sarà il trampolino di lancio per la ricandidatura nel 2024?

Questa, non è la prima volta che l’ex presidente prova a creare una sua piattaforma: a gennaio era nato Parler. Fin da subito però Google e Apple si erano apprestate a rimuovere dai loro store. In questo caso però non si trattava di un vero social network, ma più di una sottoscrizione a ricevere i messaggi e le notifiche che pubblicava lo stesso Trump. Aveva cosi giustificato la sua mossa come una “violazione dei diritti di libertà di parola”.
Riuscirà questa volta a ottenere il suo spazio dove viene garantita la sua libertà di parola? Come funzionerà questo social? Sono tutte domande a cui non abbiamo una risposta, l’unica cosa che sembrerebbe certa è che questo, è un passo verso la sua ricandidatura alle elezioni presidenziali del 2024.

Erika Zaffalon

Dopo una formazione fin troppp matematica ho capito che i numeri e la chimica non facevamo per me. Una serie di “ fortunati eventi” vedono il mio incontro fortunato con il mondo della comunicazione rendendola la mia grande passione per questo decido di iscrivermi alla facoltà di Scienze della Comunicazione all’Università degli studi di Torino.

Purtroppo però la mia testardaggine e la mia fama di conoscenza non erano soddisfatte: ho deciso che CIME ( Comunicazione, ICT e Media) era il posto giusto per me. Conseguo quindi il titolo di laurea magistrale.

La mia passione per i social network, per la comunicazione e per tutto il mondo del marketing( con un occhio sempre vigile al mondo del fashion e della tecnologia) è sempre stata un’ottima compagna di avventura.

Previous Post
Next Post

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: