Argus pianta nuovi semi: firmato l’accordo con Coselag per l’ampliamento dell’azienda

Argus Security mette nuove radici su un’area di quasi 5mila metri quadri, nella quale sorgerà un nuovo stabilimento. Il 10 marzo, nello studio notarile Pisapia di Trieste, è stato firmato l’accordo tra Coselag (Consorzio di Sviluppo Economico Locale dell’Area Giuliana ) e Argus Security per l’acquisto del terreno. In quest’area verrà eretto l’ampliamento dell’azienda di Muggia specializzata in sistemi di rilevazione incendi.

Per suggellare l’accordo tra i due enti, hanno firmato Sandra Primiceri, vicepresidente di Coselag e Giorgio Koursaris Amministratore Delegato di Argus Security srl

L’acquisto del terreno

Sandra Primiceri, vicepresidente di Coselag e Giorgio Koursaris Amministratore Delegato di Argus Security

Il bando di vendita per asta pubblica è uscito a novembre 2021.

«Abbiamo inoltrato la domanda i primi di dicembre – ripercorre Koursaris –  L’aggiudicazione è arrivata a febbraio. La progettazione della nuova fabbrica prende in esame l’ampliamento della sede di Argus Security, in via del Canneto n. 14 con la realizzazione di un nuovo edificio nel lotto fronteggiante, al di là della strada di via del Canneto». 

Il prezzo del terreno è di 500mila euro. «Ovviamente questo è solo il costo del terreno, ma l’investimento sarà molto più alto» specifica l’Amministratore Delegato . Poi aggiunge: «L’area interessata dall’intervento è una zona produttiva artigianale e industriale che, pur essendo ambito industriale, è inserita in un contesto tutelato dal punto di vista ambientale, essendo a poca distanza dall’area dei laghetti delle Noghere alle spalle del Rio Ospo».

La fabbrica “green”

Il progetto si basa sul concetto di “fabbrica green. «Abbiamo come obiettivo aziendale ottenere la certificazione per la sostenibilità ambientale ISO14000, sia per l’attuale sede produttiva che quella che andremo a realizzare» specifica Koursaris.

Poi aggiunge: «Puntiamo a voler realizzare un involucro con prestazioni energetiche elevate, sia ottimizzando l’isolamento dell’edifico che installando sulla copertura della fabbrica pannelli fotovoltaici performanti e utilizzando un impianto geotermico». 

Il progetto, infatti, consiste nell’ideazione di un fabbricato caratterizzato da due volumi, una piastra ed una torre. «Gli spazi del nuovo manufatto prevedono un’ampia area destinata a magazzino, la nuova distribuzione dell’area produzione e la realizzazione di servizi e uffici con accesso a un’area verde» anticipa Koursaris.

Prosegue l’Amministratore Delegato: «Architettonicamente, il manufatto sarà caratterizzato da ampie coperture verdi in parte integrate all’interno degli spazi adibiti ad uffici e fruibili dalla struttura come aree di svago e di relazione. Sarà realizzato anche un giardino pensile sia internamente che esternamente alla struttura, perché crediamo fortemente nell’impatto positivo che un ambiente verdeggiante dà a chi ci lavora».

Un edificio che punta all’autonomia energetica. «L’impianto fotovoltaico trasformerà l’energia solare in energia elettrica permettendo un concreto risparmio e una drastica riduzione delle emissioni inquinanti – continua il manager – All’occorrenza questa energia elettrica potrà essere accantonata in appositi sistemi di accumulo oppure immessa nella rete pubblica». 

Meno consumi, ma più investimenti: «L’intento è di realizzare un edificio produttivo radicato nel suo contesto di area industriale, ma che offra all’ambiente circostante un edificio il più possibile “green” grazie all’utilizzo di fonti rinnovabili, ma anche all’inserimento di aree e spazi verdi che mitigano visivamente l’impatto della costruzione di un nuovo edificio industriale» continua Koursaris.

Conclude il manager: «Questi investimenti andranno a beneficio anche del territorio giuliano. Questo aumento degli spazi sarà sia per la produzione che per gli uffici, con una conseguente necessità di nuove assunzioni».

Clarissa Ciano

Troppo sabauda per essere punk ma con origini troppo miste per pronunciare "Dui puvurun bagnà 'nt l'oli" con l'accento giusto.

Mi piace scrivere di attualità mescolando la politica con elementi pop, credo che tutto abbia un significato e non lascio nulla al caso.

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione e ho frequentato il College di Story Design alla Scuola Holden che mi ha permesso di sperimentare tutte le sfaccettature della comunicazione.

Previous Post
Next Post

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: