La didattica al Museo del Tessile incontra vecchie e nuove tradizioni

La lezione con le piante tintorie al Museo del Tessile con Giulia Perin

La didattica del 2022 al Museo del Tessile incontra natura, arti tessili, tradizione e nuove sperimentazioni. In questi giorni il Museo del Tessile ha accolto tre classi dell’indirizzo di Agraria dell’Istituto “Vittone” accompagnate dalla Professoressa Ermanna Re. Al centro della lezione le piante tintorie, in particolare quelle impiegate nei secoli passati in Piemonte e coltivate dal 2017 all’Orto del Tessile. A svolgere le lezioni Giulia Perin, antropologa e artista-artigiana specializzata in tecniche di tintura e decorazione (soprattutto orientali). La Perin opera all’interno della Fondazione e ha ricevuto un premio nel 2021 nella Città dell’Arte di Michelangelo Pistoletto per la sua creatività coniugata a pratiche di upcycling.

La didattica punta alle nuove attrezzature

Dopo una introduzione teorica, Perin ha eseguito dimostrazioni di tintura di filati e campioni di tessuto con il gualdo, la robbia e la camomilla dei tintori. Ha utilizzato nuovissime attrezzature tedesche – pentole professionali in vetro borosilicato e piastra in vetro-ceramica a raggi infrarossi – che la Fondazione ha acquistato proprio per sviluppare maggiormente l’attività formativa laboratoriale e divulgativa incentrata su tintura naturale e sulle tecniche tessili artistiche storiche e contemporanee di tendenza quali l’eco-printing.

I prossimi progetti della Fondazione

La Fondazione è parte del progetto “Riflessioni Circolari” diretto dall’artista e ricercatrice di moda sostenibile Sara Conforti. Proprio con lei è previsto un appuntamento sul “Denim sostenibile”. Sul tema Jeans si sta lavorando alla partecipazione a “Genova Jeans”, dove la Fondazione rappresenterebbe l’identità tessile chierese in dialogo con Genova. Lo scopo è focalizzare l’attenzione sulla ricerca storica e di cultura materiale che abbraccia guado e fustagno.

La seconda vita della didattica

I filati di cotone tinti con coloranti naturali presso la Fondazione saranno usati per i laboratori di tessitura rivolti alle scuole. Anche quest’anno saranno tenuti da Lisa Fontana adiuvata da Carla Pedrali. I ragazzi realizzeranno piccoli manufatti bicolori come segnalibri, sottobicchieri o borselli (a seconda del tempo a disposizione). I ragazzi utilizzeranno nuovi telaietti manuali in legno con mini-subbio progettati da Graziano Iseppi e realizzati ad hoc da Bruno Zanin con alcuni volontari del Museo del Tessile.

Alcune tra le erbe tintorie del Museo del Tessile

L’Orto Tessile rifiorisce con nuove specie

L’Orto del Tessile, già menzionato da “Gardenia” nel 2021 e curato da Giulia Perin con l’aiuto di alcuni volontari della Fondazione, sta rifiorendo. Oltre alle piante tessili e tintorie che identificano il nostro territorio, in primis la canapa, il lino e il gualdo, vi saranno nuove specie: ad esempio cardo mariano, cartamo, zafferano, Royal Purple (scotano) e altre varietà impiegate per l’eco-printing.

Erika Zaffalon

Dopo una formazione fin troppp matematica ho capito che i numeri e la chimica non facevamo per me. Una serie di “ fortunati eventi” vedono il mio incontro fortunato con il mondo della comunicazione rendendola la mia grande passione per questo decido di iscrivermi alla facoltà di Scienze della Comunicazione all’Università degli studi di Torino.

Purtroppo però la mia testardaggine e la mia fama di conoscenza non erano soddisfatte: ho deciso che CIME ( Comunicazione, ICT e Media) era il posto giusto per me. Conseguo quindi il titolo di laurea magistrale.

La mia passione per i social network, per la comunicazione e per tutto il mondo del marketing( con un occhio sempre vigile al mondo del fashion e della tecnologia) è sempre stata un’ottima compagna di avventura.

Previous Post
Next Post

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: